venerdì, 19 agosto 2022
spinner
Data di pubblicazione: 28 January 2016

Bossolo di fucile alla Polizia Municipale

ATNews
Veneto
Riceviamo e pubblichiamo il comunicato del Sulpl di Asti in seguito al rinvenimento di un bossolo nella cassetta postale del Comando di Polizia Locale di Nizza Monferrato.

"E' notizia di oggi che alla Polizia Locale di Nizza Monferrato è stato recapitato un bossolo di fucile, rinvenuto all'interno della buca delle lettere dal nostro collega iscritto F.I.

Si disconosce, al momento, l'eventuale matrice, e quindi se effettivamente si tratta dell'ennesima intimidazione perpetrata nei confronti di Operatori di Polizia Locale: se dovesse essere confermato, tale grave episodio si aggiungerebbe a quelli già accaduti per numerosi altri Operatori di Polizia Locale, di quei tanti Comandi che periodicamente subiscono in conseguenza
delle proprie attività istituzionali a contrasto dell'illegalità nel nostro paese.

In tal senso urge una risposta forte e determinata delle istituzioni. La Polizia Locale Italiana e questa O.S. maggiormente rappresentativa a livello nazionale e locale dell'intera categoria, sa che è importante come non mai in questi momenti fare squadra davvero e non lasciare solo chi viene minacciato.

È quando si è soli che si diventa un obbiettivo perfetto. Sono tanti i colleghi di cui non si sa nulla, ma che ogni giorno rischiano di diventare, o sono già, un obbiettivo.

Tante le attività investigative i cui spesso positivi risultati non finiscono sui quotidiani nazionali, troppi i colleghi che lavorano sul territorio senza garanzie e senza le tutele che questa O.S. ha più volte segnalato e che qui non si vogliono ripetere perché a tutti note.

Questi fattori rendono più facile minacciare, intimidire.

La solidarietà che si intende esprimere ai colleghi della Polizia Locale di Nizza Monferrato è indispensabile e doverosa: se si evidenzia tale aspetto, minacciare o colpire qualcuno diventa più difficile.

Con questa iniziativa il SULPL si oppone attivamente all'indegno proposito di minaccia ed all'indifferenza del "chi te lo ha fatto fare".

Fare squadra sempre, non solo per esprimere solidarietà ma anche per non lasciare solo, concretamente, nessun collega.

Uniti si vince, sempre! "


Sulpl Asti


Fonte:
ATNews
Articoli simili