venerdì, 19 agosto 2022
spinner
Data di pubblicazione: 15 January 2014

Thiene, botte agli agenti alla stazione Ftv

Giornale di VI
Valle d'Aosta/Vallée d'Aoste
Da circa due mesi le FTV di Vicenza ed alcune persone che hanno i figli che fruiscono del servizio di trasporto pubblico, hanno chiesto al sindaco di Thiene l'intensificazione della vigilanza alla Stazione delle corriere di Thiene, poichè, spesso, nell'orario tra le 12:30 e le 15, gruppi di giovani sono soliti importunare i viaggiatori e lo stesso personale delle FTV. Il Comune ha ordinato quindi specifici controlli in quegli orari da parte della polizia locale.

Sabato scorso, nonostante la presenza della pattuglia a poche decine di metri, un gruppo di ragazzi alzava la voce ed iniziava a litigare. Dopo alcuni minuti di alterchi, un viaggiatore chiedeva l'intervento della polizia Locale, che si avvicinava chiedendo i documenti ai litiganti. Uno di loro, senza alcun motivo, inziava ad inveire contro i due agenti con varie offese, e non accennava a calmarsi nonostante il passare dei minuti.
A quel punto un autista delle FTV si avvicinava al ragazzo dicendogli di avere più rispetto per chi stava lavorando. Dopo avere ingiuriato l'autista FTV con frasi irrepetibili, il giovane, alla presenza degli agenti di Polizia Locale, sferrava tre calci all'autista stesso che si limitava a non accettare le provocazioni. Anche al fine di evitare ulteriori conseguenze, gli agenti bloccavano il giovane che poneva resistenza ingaggiando una colluttazione e causando ai poliziotti lesioni guaribili in gg. 3.
Abrefa Adu, di origine ghanese ma nato in Italia e residente in provincia di Vicenza dalla nascita, veniva pertanto arrestato per i reati di resistenza, lesioni e oltraggio a pubblico ufficiale. Pur essendo maggiorenne solo da pochi mesi, il giovane aveva già all'attivo numerose denunce che vanno da reati contro il patrimonio, a stupefacenti, a resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale. Processato per direttissima questa mattina a Vicenza, ha patteggiato sei mesi di prigione.


Fonte:
Giornale di Vicenza
Immagini allegate
Articoli simili