giovedì, 23 settembre 2021
spinner

Verbale per sosta in seconda fila

sosta
Oriana Cremella
30/04/2021 - 11:58

Buon giorno, è appena stata notificata a mio marito una multa per sosta in seconda fila in cui si dice che non è stato possibile notificare immediatamente l'infrazione per assenza del trasgressore.

Innanzitutto il trasgressore non è mio marito ma la sottoscritta cioè la moglie. In secondo luogo il trasgressore era seduto in macchina con a fianco la figlia, e abbiamo visto chiaramente la volante passare e fare le foto alle macchine in sosta. Davanti a noi uno dei vigili è anche sceso dalla macchina per andare a verificare che l'auto posteggiata su posto disabili avesse il pass.

Siamo quindi di fronte ad una mancanza del verbalizzante che in realtà sta dichiarando il falso in atto pubblico.

Come fare a richiedere le foto scattate? e ci sono gli estremi per fare ricorso e vincerlo?

Cordiali Saluti,

OC

 

Matteo Corsini
30/04/2021 - 12:18

Buongiorno,

è molto probabile che le foto scattate siano state utilizzate dagli agenti solo come promemoria, infatti non hanno obbligo di allegare le foto al verbale.

Se vuole fare ricorso deve trovare il modo di dimostrare che non si trattava di sosta ma di fermata ma l'accettazione di tale ricorso è sempre a discrezione del giudice/prefetto.

 

Oriana Cremella
30/04/2021 - 13:04

Ringrazio per il celere riscontro.

Rimane comunque la cattiva fede e il dolo volontario dell'accertatore. La fiducia nelle istituzioni viene messa alla prova anche da atteggiamenti come questi. Il controllore si sente super partes e, chiamato a giudicare i comportamenti degli altri, agisce con superficialità e dichiara il falso. Le foto se scattate ed usate per dare le multe devono essere messe a disposizione del cittadino, altrimenti che i vigili abbiano il coraggio di scendere dalle macchine e mettere le multe sui parabrezza. Questo è solo un bell'esempio di bullismo delle istituzioni nei confronti del cittadino, a cui non viene data alternativa valida che chinare il capo e pagare. Che tristezza.

 

Articoli correlati