giovedì, 19 ottobre 2017
spinner
Data di pubblicazione: 17 febbraio 2017

Contachilometri manomessi: denunciati venditori di auto usate

Corriere.it
Lombardia

Esplora il significato del termine: La truffa era semplice: acquistavano automobili usate, abbassavano il chilometraggio e poi le rivendevano pubblicizzandole online. Tre facili step e tanti affari ma la Polizia Locale di Brescia li ha scoperti e denunciati. I protagonisti sono cinque italiani residenti nel campo privato di via Labirinto e titolari di un’azienda che vende autovetture con regolare partita Iva. Negli ultimi mesi hanno acquistato e rivenduto numerose auto, di recente immatricolazione e in buono stato, con chilometraggio notevolmente abbassato dopo avere alterato il contachilometri. Non ingannavano solo semplici clienti, ma pure alcuni commercianti d’auto. Il trucco: consegnavano libretti di manutenzione originali ma con i timbri falsificati delle officine che avrebbero dovuto emettere il tagliando.

L’identikit dei truffati

Finora, gli agenti hanno individuato 19 vetture di diverse marche, soprattutto di grossa cilindrata. Le persone truffate sono residenti per lo più a Brescia (18 persone, 4 delle quali di nazionalità straniera), in provincia (10 persone) e nelle province di Bergamo, Torino e Mantova (8 persone). I cinque uomini sono stati denunciati a piede libero per truffa aggravata continuata in concorso. «È un’operazione di grande rilievo, quella portata a termine dalla Polizia Locale», ha dichiarato l’assessore alla Sicurezza Valter Muchetti. «Un’ulteriore prova di come gli agenti siano in grado di lavorare con professionalità su più fronti, mettendo in campo notevoli capacità di indagine. A loro va il ringraziamento non solo dell’amministrazione ma di tutta la comunità brescianaLa truffa era semplice: acquistavano automobili usate, abbassavano il chilometraggio e poi le rivendevano pubblicizzandole online. Tre facili step e tanti affari ma la Polizia Locale di Brescia li ha scoperti e denunciati. I protagonisti sono cinque italiani residenti nel campo privato di via Labirinto e titolari di un’azienda che vende autovetture con regolare partita Iva. Negli ultimi mesi hanno acquistato e rivenduto numerose auto, di recente immatricolazione e in buono stato, con chilometraggio notevolmente abbassato dopo avere alterato il contachilometri. Non ingannavano solo semplici clienti, ma pure alcuni commercianti d’auto. Il trucco: consegnavano libretti di manutenzione originali ma con i timbri falsificati delle officine che avrebbero dovuto emettere il tagliando.

 

 

Fonte: Corriere.it

Articoli simili
  • 19 febbraio 2016

    Vigili picchiati

    L'osservatorio del nostro portale sul fenomeno delle intimidazioni e delle aggressioni fisiche ai danni degli appartenenti alla polizia locale su tutto il territorio nazionale.

  • 26 aprile 2013

    Vigili Picchiati

    L'osservatorio del nostro portale sul fenomeno delle intimidazioni e delle aggressioni fisiche ai danni degli appartenenti alla polizia locale su tutto il territorio nazionale.

  • 11 marzo 2017

    Lo Stato stanga la sicurezza "fai da te"

    Multati i Comuni che installano telecamere. Sanzioni dal prefetto per i sindaci che si dotano di sistemi di sorveglianza,

  • 09 dicembre 2016

    Riconoscimento al Valor Civile all’agente eroe della Tre Valli

    L’agente di Polizia Locale Francesco Milana, durante l’ultima edizione della Tre Valli Varesine ha rischiato la vita per salvare i corridori da una strage.

  • 03 dicembre 2016

    Equo indennizzo ai vigili: l'ANCI fa sentire la sua voce

    “Chiediamo al Governo di assumere un’iniziativa immediata per garantire il ripristino dell’equo indennizzo per il personale delle polizie Municipali".